Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L’Ambasciata d’Italia dà avvio alla formazione dei docenti albanesi di lingua italiana per il 2021

Data:

05/02/2021


L’Ambasciata d’Italia dà avvio alla formazione dei docenti albanesi di lingua italiana per il 2021

Venerdì 5 febbraio l’Ambasciatore Fabrizio Bucci ha inaugurato l’apertura dei seminari formativi del 2021 previsti dal Memorandum Illiria e sostenuti dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Italiana. Tale formazione testimonia la collaborazione costruttiva e innovativa con il Ministero dell’Istruzione, dello Sport e della Gioventù albanese, per la ricerca di nuovi approcci metodologici e pedagogici.

L’Ambasciatore, nel suo discorso di apertura, ha sottolineato “il valore dello studio della lingua italiana a scuola, in particolare per il sistema economico albanese dove quasi tremila aziende confidano nello sviluppo di un sistema territoriale e geografico senza più confini, in una geometria di interessi dinamici ormai a due direzioni. Questo nuovo sistema si avvale anche della professionalità acquisita in Italia da molti studenti, portatori di un patrimonio culturale ed esperienziale, che tornano in patria per aprire le loro attività".

I seminari formativi iniziano quest’anno con Leonardo Sciascia, che racchiude nella sua produzione, l’espressione culturale della Sicilia e di un’area mediterranea creata dagli incontri fra diverse culture e plasmata dalla presenza araba, la cui eredità storica e linguistica è ancora visibile nella toponomastica e nello stesso paese di Racalmuto, dove Sciascia è nato.

Il Professor Pierfranco Bruni ha aperto oggi il ciclo di formazione. Studioso degli autori del ‘900 e autore di un libro di recente pubblicazione dedicato a Sciascia, Bruni ha approfondito gli aspetti umani e letterari di Sciascia ma anche l’impegno che ha dedicato ai problemi sociali - come l’arretratezza economica e culturale del Meridione - che a loro volta hanno ispirato il cinema realista degli anni ’60 e ’70.

Geniali sviluppatori di un cinema d’avanguardia neorealista come Elio Petri, o attori insuperabili, come Gian Maria Volontè e Claudia Cardinale hanno interpretato la narrazione di Sciascia potenziandone tutta la carica umana ed espressiva. E di questo abbraccio fra letteratura e cinema, che ha generato indimenticabili capolavori, saranno presentati ai docenti vari trailer e spezzoni per una successiva fase di commento linguistico e letterario.

Seguirà, a partire dal 25 febbraio, un ciclo formativo specifico per i formatori Illiria con quattro seminari curati dall’Università Statale di Milano e dall’Università Statale di Torino.

Alla fine di marzo, in presenza, si svolgeranno gli ultimi quattro appuntamenti seminariali nella sede del Ministero dell’Istruzione Albanese, che collabora e incentiva tutte le dinamiche di selezione, registrazione e di accreditamento dei 120 docenti impegnati del programma Illiria.


1127