Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Il quarto bando dello IADSA: la cerimonia di aggiudicazione di 11 progetti approvati per un totale di 4 milioni di EuroTirana, 18 maggio 2016

In risposta al quarto bando del Programma Italo-Albanese di Conversione del Debito (IADSA) lanciato il 14 ottobre 2015 e i cui termini si sono chiusi lo scorso 28 gennaio, sono state presentate 57 proposte di progetto per un totale di finanziamenti richiesti di oltre 19 milioni di Euro, per progetti volti soprattutto al miglioramento dell’istruzione e dei servizi socio-sanitari ed inoltre molte le iniziative proposte in favore dei giovani e quelle volte a sostenere l’inclusione sociale di gruppi vulnerabili e a promuovere l’occupazione giovanile. Numerosi sono anche stati i progetti presentati volti a sostenere lo sviluppo territoriale e la promozione del turismo sostenibile e responsabile per valorizzare territori inesplorati, tutelare l’ambiente e soprattutto offrire nuove opportunità di lavoro in aree di emigrazione.

Il 18 maggio a Tirana, l’Ambasciatore Alberto Cutillo ed il Ministro delle Finanze albanese, Arben Ahmetaj, hanno aggiudicato il finanziamento di 11 nuovi Progetti che hanno ottenuto il maggior punteggio al termine del processo congiunto di valutazione delle proposte progettuali avanzate in risposta al quarto bando in base a quanto deliberato dal Comitato di Gestione dello IADSA. Presenti gli undici sindaci assegnatari dei finanziamenti per i progetti selezionati, intervenuti insieme ai rappresentanti dei loro partner, italiani ed albanesi. Tra questi i sindaci di grandi città, quali la capitale Tirana, Fier, Scutari, Elbasan. Nel suo intervento, l’Ambasciatore Cutillo ha riaffermato il ruolo fondamentale dell’Italia nel sostenere l’Albania, laddove il Programma Italo Albanese di Conversione del Debito (IADSA) costituisce uno strumento efficace di cooperazione contribuendo a creare sinergie tra soggetti albanesi ed italiani, tra istituzioni pubbliche e i diversi segmenti della società civile. Inoltre, l’Ambasciatore Cutillo ha dato notizia che i due governi hanno positivamente concluso i negoziati per la sottoscrizione di un nuovo accordo di conversione del debito per ulteriori 20 milioni di Euro finalizzati anch’essi a sostenere l’attuazione delle politiche sociali del governo albanese.


Gli 11 Progetti selezionati saranno finanziati a valere sui fondi della riconversione del debito per un totale di 4 milioni di Euro e si vanno ad aggiungere ai 31 progetti già finanziati per un totale di 11,7 milioni di Euro, di cui 13 progetti sono stati già portati a completamento. Questi nuovi 11 progetti sono finalizzati a migliorare le infrastrutture scolastiche in tre diversi comuni albanesi contribuendo altresì ad eliminare le barriere architettoniche che impediscono l’accesso ai bambini e alle bambine diversamente abili; un progetto è direttamente rivolto ai ragazzi e alle ragazze diversamente abili per favorirne l’inclusione sociale; un progetto offrirà servizi socio-sanitari agli anziani in difficoltà mentre altri tre progetti sono rivolti ai giovani ed includono anche la creazione di spazi attrezzati per favorire la socializzazione e per consentire ai ragazzi e alle ragazze di poter esprimere le loro potenzialità e la loro creatività; un progetto presentato dal Comune di Tirana è finalizzato a migliorare un insediamento Rom alla periferia della città per garantirne il pieno inserimento nel contesto urbano; mentre altri due progetti sono finalizzati allo sviluppo territoriale e alla promozione del turismo responsabile e sostenibile in aree inesplorate e marginali del Paese.


Partner italiani dei comuni albanesi proponenti questi 11 Progetti risultati vincitori sono il Comune di Bari, il Comune di Trieste e le ONG italiane: OXFAM Italia, CESVI, ENGIM, VIS Albania, IPSIA.



Foto